Questo sito utilizza cookie. I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dal nostro sito Web, infatti quasi tutti ne fanno uso. I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa Cookie. Clicca su accetto per proseguire la navigazione, cliccando su un qualunque elemento sottostante acconsenti comunque all'uso dei cookie.

ROSARIO – Per la seconda edizione consecutiva l’Italia vince il Mondiale U18 femminile. Le ragazze di Mencarelli hanno completato il loro cammino trionfale (8 vittorie in altrettante partite) battendo per 3-1 la Rep. Dominicana.

Le caraibiche sono arrivate a sorpresa in finale dopo un avvio di torneo disastroso (nettissime le sconfitte contro Turchia e Giappone), ma grazie alla fenomenale Madeline Jazmin Guillen Paredes si sono rivelate avversario degno vincendo il secondo set e mandando in difficoltà le azzurrine nel 4° set sino al 14-17.

L’Italia si è però dimostrata più squadra ed in una serata meno brillante del solito per Pietrini ha trovato comunque le risorse per vincere la partita.

LA CRONACA – Dopo l’iniziale 0-2 l’Italia pareggia subito (2-2) e poi prende il largo sfruttando il servizio di Enweonwu e gli attacchi di Lubian e Populini (8-3) che si fa valere anche a muro: 9-3. Guillen imperversa in attacco, ma l’Italia tiene sempre un buon vantaggio sino al 23-18 poi la Rep. Dominicana spaventa le azzurrine tornando sotto 23-21 (muro di Guillen su Pietrini) e poi anche 24-23 (ancora doppietta Guillen). Un provvidenziale errore in battuta chiude il set 25-23.

L’Italia parte bene nel 2° set (3-0), ma poi inizia a soffrire in ricezione e a non trovare varchi in attacco. L’ace di Martinez vale il 3-4, l’invasione di Morello il 3-6, Pietrini è in difficoltà e concede il 5-11. Il black out è prolungato, l’Italia scivola a -9 (7-16) ed il set termina 19-25 sull’attacco della solita Guillen Paredes.

Nel 3° set l’Italia ritrova il servizio ficcante che la caratterizza: l’ace di Morello vale il 2-1, quello di Pietrini il 6-2 con Martinez che aggiunge l’errore del 7-2. La Rep. Dominicana resta nel set solo sino al 14-11, poi l’Italia dilaga e chiude addirittura 25-12 con Populini in evidenza.

La partita si riaccende nel 4° set con le 2 squadre che vanno a braccetto sino al 13-13, poi la Rep. Dominicana allunga con Martinez (13-15) ed il muro della neoentrata Asencio su Enweonwu: 14-17. Si riaccende Pietrini che firma il 15-17 e, dopo la slash di Fahr (16-17) propiziato da Morello, il 17-17. Guillen per una volta non trova il campo e l’Italia sorpassa (18-17). Enweonwu va a segno (19-17), Asencio sbaglia (20-17). Il parzialone azzurro diventa di 9-0 con Enweonwu (21-17), ancora un ace di Morello (22-17) e l’errore di Guillen che finisce in rete su alzata inguardabile: 23-17. Il punto della vittoria alla terza palla match lo firma Enweonwu con un pallonetto a 2 mani: 25-20.

NUMERI AZZURRI – Proprio Enweonwu è la migliore in attacco col 50% di vincenti ed il 36% di efficienza, seguita da Populini (40% vinc. e 20% di eff.) e Pietrini (39% vinc. e 26% di eff.), a muro spicca Fahr con 5 vincenti mentre Morello e Pietrini guidano la classifica degli ace con 2 battute vincenti a testa.

Finale 1°-2° posto 
ITALIA – REP. DOMINICANA 3-1 (25-23, 19-25, 25-12, 25-20)
Italia: Enweonwu 17, Lubian 10, Fahr 8, Pietrini 17, Populini 16, Panetoni (L), Morello 3; Tanase 0, Peruzzo 0. Non entrate: Battista, Kone, Scola. All: Mencarelli.
Rep. Dominicana: Feliz Sena 10, Rodriguez Duran (L), Yosil Severino 3, Natalia Martine 11, Madeline Jazmin Guillen Paredes 25, Geraldine Gonzalez 5, De La Rosa 1; Asencio 3, Lalane Tejeda 1, Jimenez Mariela 1. Non entrate: Rodriguez Camilo, Heredia. All: Alexandre Ceccato.

Tratto da volleyball.it

Joomla templates by a4joomla